L’azienda Agricola Barban Costantino nasce nel 1977 come coltivatore di RISO, ma già dagli anni 50 suo padre Barban Antonio coltivava riso nei propri terreni ,si deve quindi a lui l’origine della storia di quest’azienda , ne è il vero capostipite. Volendo continuare nella tradizione che contraddistingue il nostro territorio Costantino Barban fa tesoro dell’esperienza condivisa e tramandata dai coltivatori storici e assieme ad un altro produttore di Grumolo delle Abbadesse è il primo , al termine degli anni 80, a trasformare e commercializzare direttamente il proprio riso.

La passione ha quindi generato l’intento di garantire continuità alla storia del riso nel vicentino a volte essendo un vero e proprio pioniere. A Grumolo delle Abbadesse fu proprio Costantino ad introdurre alcune tecniche innovative per l’epoca: come livellare la terra entrando in acqua con i trattori; prese spunto con successo dai contadini di Vercelli e Novara che già sperimentavano tale tecnica utilizzando dei “ruotini” in ferro .

Con orgoglio Costantino ricorda i primi tentativi fatti con il trattore OTO 30 cavalli agli inizi degli anni 80 studiando i metodi migliori costruì delle “gabbie” di ferro da sostituire alle ruote originali così da permettere al trattore di muoversi in acqua senza sprofondare . Negli anni le tecniche si sono evolute e con esse anche l’azienda che ha fatto spazio a nuovi macchinari e metodologie operative cercando di perfezionare sempre più la coltivazione anche svolgendo in azienda molteplici attività come l’essicazione e la pilatura del proprio prodotto. Oggi la sua “pila” utilizzata in quegli anni è esposta nel municipio del nostro comune come testimonianza reale delle tradizioni e dell’evoluzione che si sono succedute negli oltre 400 anni di coltivazione di riso qui a Grumolo.

Intorno agli anni 2000 Costantino e un gruppo di produttori locali si sono uniti costituendo un associazione con lo scopo di salvaguardare e promuovere il buon riso prodotto nel territorio, da questo punto in poi molte strade si sono percorse rispettando i principi di collaborazione e crescita.

Ad oggi la proiezione al futuro fa sperare in una costante contaminazione del mercato facendo sempre più conoscere le qualità peculiari del riso, specialmente del Vialone Nano che , con nostro orgoglio, è l’unico presidio Slow Food di riso in Italia ( Slow Food è un associazione internazionale impegnata a ridare valore al cibo grazie alle conoscenze di cui sono custodi territori e tradizioni locali)